Lesioni muscolari – come prevenirle conoscendole e curarle

colocar gelo 300x150 Lesioni muscolari   come prevenirle conoscendole e curarleLa lesione muscolare è un infortunio riscontrabile sia nel giocatore professionista che in quello amatoriale. Potenzialmente, tutti i muscoli dell’apparato scheletrico possono essere lesionati durante l’attività sportiva in modo e frequenza variabile in relazione alla tipologia di sollecitazione da esso subìta.

Ogni tipo d’attività sportiva, anche la più banale come salire le scale, può essere causa di un infortunio muscolare. Esistono tre termini scientifici che definiscono la gravità di una lesione muscolare: contrattura, stiramento, strappo. Spesso, questi termini sono utilizzati in modo improprio, specialmente in certi ambienti sportivi sprovvisti di una figura qualificata e competente del settore traumatologico: il medico. Una lesione è, di fatto, la rottura di un numero variabile di fibre muscolari e, pertanto, è sempre consequenziale ad un evento traumatico acuto. Gli arti inferiori sono le sedi più comuni delle lesioni muscolari acute che più difficilmente colpiscono la muscolatura dorsale. L’abbondante vascolarizzazione del muscolo scheletrico determina, in occasione di una lesione, la fuoriuscita di una certa quantità di sangue: nei casi lievi il sangue resta localizzato all’interno del ventre muscolare, mentre nei casi più gravi rimane in superficie, distendendo la fascia muscolare e formando dei veri e propri ematomi. Le fibre interrotte hanno scarso potere di rigenerazione; il processo di riparazione avviene, quindi, con formazione di tessuto cicatriziale le cui proprietà elastiche risultano ovviamente inferiori a quelle del tessuto muscolare. Le lesioni muscolari sono classificate, dal punto di vista medico, proprio in rapporto all’entità del danno anatomico.
Con il Dott. Pier Francesco Parra, Responsabile Medico del Centro FIT (Federazione Italiana Tennis) di Tirrenia e delle squadre nazionali di Davis e Fed Cup, analizzeremo questa problematica sulla base della sua esperienza professionale.
D. Come sono classificate le lesioni muscolari?
PFP.
“Le lesioni muscolari si classificano in acute (dirette e indirette, provocate cioè da un trauma esogeno o endogeno), e croniche post-traumatiche dovute più che altro ad errori terapeutici o ad una cattiva riabilitazione. Fra le lesioni dirette si segnala la contusione, una lesione traumatica acuta dei tessuti molli causata da un urto violento con un corpo a superficie piana (esempio cadute al suolo, traumi da ostacoli, scontro diretto tra atleti) senza che ci sia discontinuità della cute. A seconda della gravità si avrà “stupore” muscolare (cioè momentanea limitazione funzionale senza lesione anatomica), ecchimosi muscolare (infiltrazione emorragica dovuta a rottura di piccoli vasi), ematoma muscolare (rottura di vasi di calibro superiore con infiltrazione all’interno del muscolo) e schiacciamento muscolare con lesione completa del tessuto e conseguente shock traumatico. Le lesioni acute indirette sono determinate da forze distrattive che abbiano una intensità superiore alla flessibilità ed elasticità del muscolo”.
D. Facciamo un po’ di chiarezza tra contrattura, stiramento e strappo
PFP.
“La contrattura è un irrigidimento permanente del muscolo che per evitare un eccessivo allungamento presenta una “contrazione di difesa”; non è da considerarsi quale lesione muscolare vera e propria. Lo stiramento invece è una elongazione delle fibre muscolari in assenza di una vera lesione anatomica: clinicamente si manifesta con un dolore progressivo durante l’attività fisica. Lostrappo o distrazione muscolare è una lesione caratterizzata da una discontinuità delle fibre muscolari senza interruzioni del tessuto connettivale, che si può accompagnare a lesione di strutture vasali con conseguente ecchimosi o ematoma. Clinicamente si caratterizza con un dolore improvviso e una sintomatologia oggettiva e soggettiva accompagnate da una impotenza funzionale tanto più precoce quanto più è grave la lesione stessa. Le distrazioni muscolari si distinguono per la loro gravità e sono classificate in tre gradi. Grado I: strappo molto piccolo all’interno di uno o più fasci muscolari. Grado II: strappo che interessa più fasci muscolari ben evidente con un’ecografia. Grado III: lesione che supera in sezione i ¾ del muscolo interessato.
La rottura muscolare è invece l’ interruzione totale o parziale di un muscolo, verificabile per azione, o di un corpo contundente che colpisce il muscolo mentre è contratto attivamente, o per una brusca contrazione. La sintomatologia è caratterizzata da un dolore violento ed improvviso, accompagnato da impotenza funzionale e tumefazione locale per risalita di uno dei due capi verso l’inserzione muscolare. In questi casi, e solo in essi, l’indicazione è chirurgica per il 95% di queste situazioni
”.
D. Si parla sempre piĂą spesso di lesioni post traumatiche: cosa si indica con questo termine?
PFP.
“Le lesioni croniche post-traumatiche sono dovute per lo più a cause iatrogene (errato primo soccorso ed approccio terapeutico della lesione, massoterapia non indicata o forzata in taluni casi, errati tempi di recupero etc.). Tali lesioni sono di vario tipo. Per falda liquida s’intende la presenza di liquido infiammatorio tra endomisio di un muscolo e quello adiacente. La fibrosi post-traumatica è una cicatrice che si forma all’interno del muscolo, poco elastica e poco scorrevole. Può essere dovuta o ad un riposo troppo prolungato con eccessiva immobilizzazione, oppure ad una precoce ripresa dell’attività non preceduta da corretta terapia. La cisti siero-ematica è una falda liquida all’interno del muscolo con un ematoma incapsulato da tessuto fibroso. Le calcificazioni muscolari sono deposizioni di sali di calcio all’interno del muscolo ben evidenziabili ecograficamente come macchie biancastre. Ultima, ma non per questo meno grave rispetto alle semplici calcificazioni è la miosite ossificante, caratterizzata dalla formazione di tessuto osseo all’interno di quello muscolare, in conseguenza di traumi contusivi unici o ripetuti”.
D. Quanto è sollecitato in uno sport come il tennis l’apparato muscolare? Com’è possibile prevenire una lesione muscolare?
PFP.
“Nel tennis i muscoli sono fortemente sollecitati. Cambi di superficie, spostamenti lunghi, tempi di recupero ridotti, gesti atletici ripetuti spesso in condizioni di scorretta postura possono esser causa di una lesione muscolare. Ciò accade sia nell’atleta professionista, sia nell’atleta che svolge l’attività fisica a livello non agonistico. Causa principale nell’amatore è una cattiva preparazione atletica da inadeguato allenamento o da un ridottissimo riscaldamento muscolare. Per l’amatore è inoltre consigliato almeno una volta l’anno un controllo dei parametri ematochimici (analisi del sangue) e una verifica medica di eventuali lesioni già esistenti”.
D. Se l’atleta incorre nell’infortunio, quali sono gli accorgimenti da adottare per un ottimale recupero della forma fisica?
PFP.
“Si può affermare che una corretta diagnosi dell’infortunio e l’immediata impostazione di un’appropriata terapia sono le basi per assicurare all’atleta infortunato (professionista e non) tempi di recupero ridotti. La metodologia da me adottata è fondata sull’intervento immediato: personalmente non attendo le 48 ore post- trauma, bensì intervengo nel più breve tempo possibile, in virtù del principio che prima s’interviene e prima si ha la possibilità di limitare la lesione muscolare. Naturalmente la valutazione diagnostica deve essere sempre fatta a distanza di 48 ore con una buona ecografia per poter avere un quadro clinico completo. A conferma di quanto detto, cito un piccolo aneddoto verificatosi al Rolland Garros due anni fa. Il giocatore austriaco Julian Knowle durante un doppio riporta una lesione muscolare al bicipite femorale. Il giocatore viene fatto camminare dal campo sino al punto di pronto soccorso interno alla struttura, per sottoporsi ad una valutazione ecografica: ebbene, questa camminata ha aggravato la lesione che al controllo risultava lunga ben 14 cm: la lesione muscolare più grande che abbia mai visto! Con lui abbiamo fatto un piano di intervento mirato di tre settimane, a distanza di quaranta giorni dall’infortunio è tornato in campo, con risoluzione completa del trauma a distanza di un anno dall’accaduto”.
D. La laser terapia, quindi, è il metodo più efficace per il recupero da lesioni muscolari? E nello specifico il “Metodo Parra” con effepitre ed adesso con Parracelso?
PFP.
“Le lesioni muscolari in genere sono quelle dove la nuova metodologia effepitre trova successi eclatanti con una riduzione dei tempi di recupero eccellente ed una restitutio ad integrum quasi perfetta. Solo nelle lesioni più gravi la cicatrice residuale sarà evidente ma con un’elasticità notevole residua e una resistenza tale da ridurre al minimo problemi di recidiva. L’indicazione al trattamento è fino alle lesioni distrattive di III grado, ovviamente con tempi di recupero progressivamente più lunghi per le lesioni più gravi, ma comunque sempre al di sotto dei quarantacinque giorni considerati tradizionalmente di riposo e cure, prima di riprendere gradualmente l’attività. L’accertamento principe per tali lesioni è l’ecografia che viene eseguita prima e dopo il trattamento per monitorizzare correttamente l’iter terapeutico e i tempi della ripresa dell’attività. Spesso ci siamo scontrati con lo stupore degli stessi ecografisti in casi in cui la ripresa poteva apparentemente sembrare troppo celere. Ovviamente nelle lesioni di minore entità il recupero è ancora più rapido e appare spesso sorprendente. Dopo aver trattato oltre 100 lesioni muscolari di tennisti professionisti, la nostra esperienza ci fa affermare che la terapia con effepitre si è rivelata un intervento mirato di primo impiego terapeutico, nei casi di lesioni muscolari.
Solo nei casi di rottura muscolare è indicata la chirurgia tradizionale; in ogni caso effepitre può rivelarsi utile nel post-operatorio sempre allo scopo di ottimizzare il processo di cicatrizzazione
”.
D. Quali sono i segnali fisici ai quali il giocatore, non seguito da uno staff medico, deve dare importanza per prevenire una lesione muscolare?
PFP.
“La fatica è senza ombra di dubbio un primo segnale. Un senso stanchezza tra due eventi sportivi non ravvicinati può essere un segnale di una non perfetta forma fisica. Ad un dolore improvviso deve seguire sempre un’interruzione dell’azione sportiva. E soprattutto durante l’attività bisogna sempre assicurare al corpo una continua integrazione dei liquidi persi. Ecco ciò che permette una “istintiva” forma di prevenzione degli infortuni. Purtroppo se si incorre in uno qualsiasi di questi incidenti descritti in questa mia breve rassegna,il consiglio migliore è affidarsi sempre a personale competente e tempestivo”.

Fonte: blogquotidiani.net/tennis/?p=2468

Commenta su facebook

Leave a Reply

Per qualsiasi problema di natura tecnica contatta l'indirizzo email supporto@quellicheiltennis.it